IL PROFUMO DELLA SANTITÀ

La notizia è di qualche mese fa, ma era stata diffusa solo a livello locale. Io l’ho appresa solo in questa settimana.Anna era una donna di 44 anni di origini russe ma residente in Abruzzo.Durante la gravidanza ha scoperto un cancro ma ha deciso di sospendere le cure per poter continuare la gravidanza.Quando il suo […]

Luglio 25, 2023

La notizia è di qualche mese fa, ma era stata diffusa solo a livello locale. Io l’ho appresa solo in questa settimana.Anna era una donna di 44 anni di origini russe ma residente in Abruzzo.Durante la gravidanza ha scoperto un cancro ma ha deciso di sospendere le cure per poter continuare la gravidanza.Quando il suo bambino è nato, ormai non c’era più nulla da fare per lei, che è morta dopo pochi giorni.La storia di Anna è molto simile a quella di santa Gianna Beretta Molla: anche lei preferì dare alla luce la sua bambina, che oggi è una gentile signora che ho avuto l’onore di conoscere.Questa storia mi ha fatto molto riflettere.Nel clamore delle ideologie capaci di trasformare perfino la malattia e la morte in occasioni di propaganda, nel frastuono delle mille stupidaggini che affollano il web e soffocano la coscienza, il dolce sussurro  della santità fa fatica ad emergere.Ma quando lo si trova, subito si viene rapiti dal suo inconfondibile profumo.C’è chi muore arrabbiato, o sfiduciato, o deluso, o pieno di rancore e di follia ideologica. E c’è chi ha la grazia di andare in cielo donando la vita come cosa sacra di soave odore.Grazie Anna. Prega per noi.

Simone Pillon

Ti potrebbe interessare..

SCHWA A BOLOGNA. GIÙ LE MANI DALLA LINGUA ITALIANA

SCHWA A BOLOGNA. GIÙ LE MANI DALLA LINGUA ITALIANA

In un impeto di ideologismo il conservatorio di Bologna adotta la schwa per le valutazioni di fine anno, con tanto di approvazione pubblica da parte di Michela Murgia Terenzi.A parte che secondo la legge gli atti ufficiali della pubblica amministrazione devono essere...

leggi tutto
BASTA CON LA NEOLINGUA GENDER

BASTA CON LA NEOLINGUA GENDER

Dopo Torino, anche l'ateneo veronese sembra avere come priorità quella di adottare la neolingua gender, cancellando il "maschile universale neutro" giudicato "sessista e violento".Ma possibile che non ci sia niente di meglio da fare che scimmiottare la deriva...

leggi tutto